Archivi categoria: Opinioni

Provate ad ascoltare la storia di Farzana

Accendo il computer e leggo della venticinquenne pachistana, incinta di tre mesi, lapidata a morte dalla sua stessa famiglia perché aveva sposato, nonostante l’opposizione del padre, l’uomo che amava. Si chiamava Farzana Parveen e l’hanno aggredita in venti, tra fratelli e cugini, con pietre e bastoni, in pieno giorno a Lahore, davanti al tribunale dove la ragazza avrebbe dovuto testimoniare di non essere stata rapita dal marito Mohammad Iqbal, come invece sosteneva il padre, ma di averlo sposato per libera scelta.

Continua la lettura di Provate ad ascoltare la storia di Farzana

Io (non) ho paura

Il 28 aprile è il giorno della memoria delle vittime dell’amianto. Il pezzo qui sotto l’ho scritto il 13 febbraio 2012, dopo la sentenza di primo grado del processo che ha condannato i proprietari dell’Eternit.

«Tu sei di Casale Monferrato?». Sì.

«La città dell’Eternit?». Sì.

Continua la lettura di Io (non) ho paura

Accidenti a voi

Oddio, quante ne ho raccolte di storie come quelle che leggo sui giornali in questi giorni. Storie di povera gente soccorsa nel mare della Sicilia, che raccontano di botte e stupri, di miseria  e di paura.

Ho passato notti sul molo a  Lampedusa, insieme a Medici senza Frontiere. E a più di due anni da allora mi fa ancora star male ricordare uomini, donne e bambini, le facce incrostate di sale, gli occhi spalancati su una costa che neanche sapevano quale fosse. «Italia?» chiedevano. «Sì, Italia» rispondevano dalla banchina.

Continua la lettura di Accidenti a voi

Casale, 25 anni dopo

Come la vedi la città dove sei nata, tu che te ne sei andata a vivere da un’altra parte? Me lo chiedono spesso, quando passo da Casale Monferrato, dove ho vissuto 29 anni prima di trasferirmi a Milano.

È una domanda che mi lascia sempre un po’ così, perché io sono una che pensa che

là dove nasci, quella sarà per sempre la tua casa,

Continua la lettura di Casale, 25 anni dopo

Il silenzio dell’Aquila

Questo pezzo è stato pubblicato su Donna Moderna tre anni dopo il terremoto che ha colpito L’Aquila il 6 aprile 2009.

La prima volta che sono stata a L’Aquila era di questa stagione, un fine agosto di vent’anni fa. Vent’anni sono tanti e non ho più presente la ragione di quel viaggio, forse un convegno da seguire, forse qualcuno da intervistare. Però ricordo di avere raggiunto la città utilizzando un pullman, che allora mi era sembrato un mezzo di trasporto antico.

Continua la lettura di Il silenzio dell’Aquila