Archivi categoria: Storie

La legge sul biotestamento c’è e io voglio raccontarvi una storia

Quando con Marina chiacchieravo al telefono, raccontandole ansie e preoccupazioni e incazzature, lei rideva. E poi partiva con le sue, “lamentazioni” le chiamava. La fatica di vivere a Roma e avere il fidanzato in Piemonte, il sogno di lavorare a Milano per essere più vicina a lui, la passione per un incarico difficile ma che le riempiva la vita.

Continua la lettura di La legge sul biotestamento c’è e io voglio raccontarvi una storia

Ai mondiali in Russia io tiferò Islanda

L’Italia è stata fatta fuori dai Mondiali ancora prima del loro inizio. Non accadeva dal 1958, secolo scorso, non ero ancora nata. Una TRAGEDIA. Che dire d’altro? Pazienza! E comunque, io ho già deciso per chi tiferò ai campionati che si terranno tra qualche mese in Russia.

Continua la lettura di Ai mondiali in Russia io tiferò Islanda

Andrea, il clochard che leggeva libri sotto la tettoia del cinema Maestoso

Qui nel quartiere lo chiamavamo Andrea, ma non sappiamo se fosse il suo nome vero. Probabilmente no. Da un anno, o anche di più, aveva “messo su” casa sotto il portone dell’ex cinema Maestoso di piazza Lodi a Milano.

Una bella tettoia ripara due metri quadrati di marciapiede, e lui aveva sistemato lì tutte le sue cose.

Continua la lettura di Andrea, il clochard che leggeva libri sotto la tettoia del cinema Maestoso

Diaz, l’Italia condannata per tortura

I pestaggi commessi dalle forze dell’ordine nella caserma di Genova Bolzaneto nei giorni del G8 del 2001 sono atti di tortura. Lo ha sancito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia per quanto commesso dalle forze dell’ordine a Bolzaneto, nei giorni del G8 a Genova nel 2001. La Corte ha stabilito che si è trattato di tortura e che lo Stato non ha condotto un’indagine efficace. Ciascuna delle persone vittima di quelle violenze avrà diritto a ricevere tra 10mila e 85mila euro  per i danni morali.

Continua la lettura di Diaz, l’Italia condannata per tortura

3 ottobre, il giorno che ricorda chi è morto in mare

Il 3 ottobre è la Giornata della memoria e dell’accoglienza.

Ricorda quanto è accaduto il 3 ottobre 2013, alle 4.30 del mattino, quando una nave partita dalla Libia si rovescia a meno di un chilometro dall’Isola dei Conigli, a Lampedusa.

A bordo ci sono tra le 520 e le 550 persone.

Continua la lettura di 3 ottobre, il giorno che ricorda chi è morto in mare