Archivi categoria: Storie

3 ottobre, il giorno che ricorda chi è morto in mare

Il 3 ottobre è la Giornata della memoria e dell’accoglienza.

Ricorda quanto è accaduto il 3 ottobre 2013, alle 4.30 del mattino, quando una nave partita dalla Libia si rovescia a meno di un chilometro dall’Isola dei Conigli, a Lampedusa.

A bordo ci sono tra le 520 e le 550 persone.

Continua la lettura di 3 ottobre, il giorno che ricorda chi è morto in mare

Da Lampedusa un appello: trovate chi ha sparato ai cani Teo e Rosetta

Questa è una storia che aspetta ancora un finale.

Arriva da Lampedusa, luogo bellissimo e insieme tragico per le migliaia di migranti che approdano sulle sue coste.

La storia racconta un episodio odioso e crudele. Accaduto ad Alessandra Gianotti che, tempo fa, ha accolto due randagi, Teo e Rosetta.

Continua la lettura di Da Lampedusa un appello: trovate chi ha sparato ai cani Teo e Rosetta

Bosnia, la denuncia di Amnesty: nessuna giustizia per le donne stuprate

Sono passati più di 20 anni dalla guerra che ha devastato la Bosnia e l’ex Jugoslavia tra il 1991 e il 1995 e oltre 20.000 donne sopravvissute alla violenza sessuale, una delle “armi” usate in quel conflitto, non hanno ancora avuto giustizia.

Continua la lettura di Bosnia, la denuncia di Amnesty: nessuna giustizia per le donne stuprate

Gli sgomberi a Roma e il poliziotto con la donna eritrea

Dicono che sia “uno spiraglio di luce nel buio di Roma”.

La carezza del poliziotto alla donna eritrea sgomberata, insieme ad altre centinaia di etiopi ed eritrei, da un palazzo romano di via Curtatone, nei pressi di piazza Indipendenza, e poi dall’area vicino a stazione Termini, dove in centinaia si erano accampati.

Continua la lettura di Gli sgomberi a Roma e il poliziotto con la donna eritrea

Lerner lascia il Pd (e io sono d’accordo sul perché)

«Per me la goccia che ha fatto traboccare il vaso è la campagna di denigrazione mossa contro le ong impegnate nei salvataggi in mare. Culminata in accuse di complicità con gli scafisti e tradotta nella pretesa governativa di sottometterle a vincoli non contemplati dal diritto internazionale né dai codici di navigazione…».  Gad Lerner lascia il Pd e questo può anche non interessare a molti. Persone che mandano al diavolo il Pd e sbattono la porta ce ne sono molte. E una in più, anche se è un giornalista famoso, non cambia granché.

Continua la lettura di Lerner lascia il Pd (e io sono d’accordo sul perché)