Archivi categoria: Primo piano

«Armstrong il primo uomo sulla Luna. Ma io, Jim Lovell, il primo naufrago dello spazio a essere tornato»

Quando l’ho visto, imponente e con un bel sorriso, entrare nella hall del grande albergo di San Antonio, in Texas, ho pensato subito che mi trovavo di fronte un protagonista della storia delle conquiste spaziali. Era il 1995 e Jim Lovell era lì per me, per farsi intervistare in occasione dell’uscita del film Apollo 13 dove era impersonato da Tom Hanks.

Continua la lettura di «Armstrong il primo uomo sulla Luna. Ma io, Jim Lovell, il primo naufrago dello spazio a essere tornato»

La legge sul biotestamento c’è e io voglio raccontarvi una storia

Quando con Marina chiacchieravo al telefono, raccontandole ansie e preoccupazioni e incazzature, lei rideva. E poi partiva con le sue, “lamentazioni” le chiamava. La fatica di vivere a Roma e avere il fidanzato in Piemonte, il sogno di lavorare a Milano per essere più vicina a lui, la passione per un incarico difficile ma che le riempiva la vita.

Continua la lettura di La legge sul biotestamento c’è e io voglio raccontarvi una storia

Ezio Bosso e le cose belle che diamo per scontate

Era il 2016 quando, guardando in tv il Festival di Sanremo, ho “scoperto” Ezio Bosso. Questo pezzo risale ad allora.

°°°

Ezio Bosso, pianista e direttore d’orchestra di origini piemontesi, molto apprezzato all’estero e poco conosciuto in Italia almeno fino a ieri sera, è stato ospite della seconda serata del Festival di Sanremo. Il musicista, che vive a Londra e tiene concerti nei più prestigiosi teatri del mondo, è affetto da una malattia neurologica degenerativa.

Continua la lettura di Ezio Bosso e le cose belle che diamo per scontate

Oggi sono stata ad Auschwitz

Ewa è una ragazza polacca bionda e sottile, ha una sciarpa leggera al collo e lì ha agganciato un microfono che permetterà a noi che la seguiamo di non perdere neppure una delle sue parole.

Ewa è la guida che accompagna me e un altro piccolo gruppo di italiani a visitare i campi di Auschwitz e Birkenau, poco più di 50 chilometri da Cracovia, dove almeno una volta nella vita bisogna andare.

E’ un dovere essere qui, dovrebbero venirci tutti, io ho aspettato troppi anni mi dico mentre entro. Quando passo sotto la scritta “Arbeit macht frei” sento fortissima la tentazione di girarmi e tornare indietro. E’ brutto dirlo ma vorrei proprio andarmene.

Invece vado avanti.

Continua la lettura di Oggi sono stata ad Auschwitz