Simone, e la passione di raccontare la Storia

C’è un aspetto del mio lavoro che ho sempre considerato un privilegio: la possibilità di “essere” là dove le cose accadono. Che si tratti di un festival del cinema o di una guerra, dell’incontro con un premio Nobel o con un grande scrittore, i giornalisti vivono “in diretta” e vedono con i propri occhi eventi straordinari. E parlano con persone speciali che non avrebbero mai conosciuto se non avessero scelto questa professione.

Continua la lettura di Simone, e la passione di raccontare la Storia

Come si racconta una guerra?

Come si racconta una guerra?

Da che è iniziata l’offensiva di terra di Israele nella Striscia di Gaza, non faccio che leggere cronache, analisi e reportage. Vedere telegiornali. Guardare gallery fotografiche, crudeli più di tante parole, che mostrano corpi di bambini uccisi dalle bombe e case distrutte e gente disperata.

Continua la lettura di Come si racconta una guerra?

Tra la gente di Donetsk, che non voleva essere Ucraina

Sono atterrata a Donetsk nel marzo di tre anni fa, con un volo Lufthansa da Monaco di Baviera. Pensavo di viaggiare insieme a russi e tedeschi. Invece sentivo parlare italiano. Poi ho capito che due terzi dei passeggeri erano badanti a servizio da anni in famiglie del nord Italia. Tornavano a casa per brevi vacanze, chi per le nozze di un figlio, chi per il parto di una figlia. In quelle poche ore di aereo avevamo fatto quasi amicizia e mi aveva colpito il senso di gratitudine e di affetto vero che provavano per il nostro Paese.

Continua la lettura di Tra la gente di Donetsk, che non voleva essere Ucraina