Anche gli animali vittime dell’uragano Harvey in Texas

Stringe il cuore a vederlo solo, abbandonato e legato a un palo, nella cittadina di Vittoria, Texas, sotto le piogge violentissime provocate dall’uragano Harvey. E’ un cagnetto e la sua foto (sopra il titolo) ha fatto il giro del mondo. Il fotografo che lo ha ritratto lo ha slegato e portato al sicuro (qui sotto la foto dei due insieme).

Continua la lettura di Anche gli animali vittime dell’uragano Harvey in Texas

Gli sgomberi a Roma e il poliziotto con la donna eritrea

Dicono che sia “uno spiraglio di luce nel buio di Roma”.

La carezza del poliziotto alla donna eritrea sgomberata, insieme ad altre centinaia di etiopi ed eritrei, da un palazzo romano di via Curtatone, nei pressi di piazza Indipendenza, e poi dall’area vicino a stazione Termini, dove in centinaia si erano accampati.

Continua la lettura di Gli sgomberi a Roma e il poliziotto con la donna eritrea

Lerner lascia il Pd (e io sono d’accordo sul perché)

«Per me la goccia che ha fatto traboccare il vaso è la campagna di denigrazione mossa contro le ong impegnate nei salvataggi in mare. Culminata in accuse di complicità con gli scafisti e tradotta nella pretesa governativa di sottometterle a vincoli non contemplati dal diritto internazionale né dai codici di navigazione…».  Gad Lerner lascia il Pd e questo può anche non interessare a molti. Persone che mandano al diavolo il Pd e sbattono la porta ce ne sono molte. E una in più, anche se è un giornalista famoso, non cambia granché.

Continua la lettura di Lerner lascia il Pd (e io sono d’accordo sul perché)

Barcellona e l’abitudine al terrore

Non mi abituerò mai agli attentati come quello di oggi a Barcellona, dove un furgone ha travolto volontariamente la folla sulla Rambla, e lo penso in queste ore in cui non si capisce neppure quale sia il numero di vittime e se siano stati arrestati i responsabili.

Non mi abituerò mai a vivere in questo mondo minacciato dal terrorismo, che non è solo quello dell’Isis che ha rivendicato il massacro.

Continua la lettura di Barcellona e l’abitudine al terrore