Migranti, Salvini chiude i porti ma i sindaci si ribellano

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha annunciato la chiusura dei porti italiani alla nave Aquarius di Sos Meditérranée, con personale di Medici senza frontiere, che si trova in navigazione nel Mediterraneo.

Continua la lettura di Migranti, Salvini chiude i porti ma i sindaci si ribellano

Le opere del Fronteversismo nel nuovo museo francescano a Taranto

Uno spazio unico nel suo genere, un’esposizione permanente nonché centro studi e formazione artistica, che raccoglierà opere del 1700 e opere contemporanee.

E’ il nuovo Museo francescano Sant’Egidio, in corso di allestimento a Taranto. Il museo troverà posto nel principale santuario per il culto a Sant’Egidio da Taranto (in città vecchia si custodisce ancora la casa natale del Santo) oggi gestito dai frati minori e sede anche del Centro giustizia, pace e integrità del creato.

Continua la lettura di Le opere del Fronteversismo nel nuovo museo francescano a Taranto

Il bambino nato in mezzo al mare

In questi giorni bui, perché sono proprio giorni bui, pubblico qui le foto di un bambino nato in mezzo al mare.

Si chiama Miracle, Miracolo, ed è venuto alla luce ieri, sabato 26 maggio, a bordo della Aquarius, la nave di ricerca e soccorso gestita da Medici senza Frontiere e Sos Mediterranee.

Continua la lettura di Il bambino nato in mezzo al mare

“Sos Animali In Trappola”. Il Wwf chiede aiuto per fermare i crimini di natura

Ogni settimana, nel mondo, due tigri vengono massacrate. Ogni anno in Italia 300 lupi e 6 milioni di uccelli sono abbattuti illegalmente: per bracconieri e trafficanti sono veri e propri “bersagli viventi“.

Continua la lettura di “Sos Animali In Trappola”. Il Wwf chiede aiuto per fermare i crimini di natura

Su Michele Serra e i poveri che sono violenti perché poveri

Due o tre cose, anzi quattro, che mi sono venute in mente dopo aver letto L’Amaca di Michele Serra che commenta gli episodi gravi di bullismo accaduti negli ultimi giorni in alcune scuole.

Serra dice, in sostanza, – scusate la sintesi – che chi minaccia i professori sono i ragazzi delle famiglie povere che frequentano non i licei ma le scuole professionali. E che l’educazione dipende dal ceto sociale (il testo completo lo trovate qui sotto, cliccate sopra la foto e riuscirete a leggere).

Continua la lettura di Su Michele Serra e i poveri che sono violenti perché poveri