“Sos Animali In Trappola”. Il Wwf chiede aiuto per fermare i crimini di natura

Ogni settimana, nel mondo, due tigri vengono massacrate. Ogni anno in Italia 300 lupi e 6 milioni di uccelli sono abbattuti illegalmente: per bracconieri e trafficanti sono veri e propri “bersagli viventi“.

Continua la lettura di “Sos Animali In Trappola”. Il Wwf chiede aiuto per fermare i crimini di natura

Su Michele Serra e i poveri che sono violenti perché poveri

Due o tre cose, anzi quattro, che mi sono venute in mente dopo aver letto L’Amaca di Michele Serra che commenta gli episodi gravi di bullismo accaduti negli ultimi giorni in alcune scuole.

Serra dice, in sostanza, – scusate la sintesi – che chi minaccia i professori sono i ragazzi delle famiglie povere che frequentano non i licei ma le scuole professionali. E che l’educazione dipende dal ceto sociale (il testo completo lo trovate qui sotto, cliccate sopra la foto e riuscirete a leggere).

Continua la lettura di Su Michele Serra e i poveri che sono violenti perché poveri

A Gaza e in Sudan i farmaci raccolti da Music for Peace

C’è un’associazione molto speciale impegnata ad aiutare chi ha bisogno.

Ciò che la rende diversa dalle altre è che non vuole denaro. Ma chiede a chi ha voglia di dare una mano di procurarsi medicine e materiali di prima necessità e di consegnarli ai punti di accolta.

L’associazione si chiama Music for Peace e ha base a Genova, dove 64 volontari si occupano di famiglie che in Liguria si trovano in situazioni di difficoltà economica e negli anni sono stati anche protagonisti di 24 missioni umanitarie in aree di guerra e di 30 interventi di emergenza in parti diverse del mondo.

Continua la lettura di A Gaza e in Sudan i farmaci raccolti da Music for Peace

Le foto dei bambini siriani e l’indignazione a rate

L’ho guardata per due giorni e per due giorni ho rimuginato. L’ho guardata e ho pensato che sarebbe stato come sempre. Parole tantissime, e molto politicamente corrette. La solita ipocrita compassione. E poi il silenzio e l’indifferenza.

L’ho proprio pensato e un po’ mi sono sentita in colpa.

Continua la lettura di Le foto dei bambini siriani e l’indignazione a rate